Occupazione, Italia maglia nera dell’Eurozona

E’ vero che i segnali di una certa ripresa ci sono, per fortuna, ma è altrettanto vero che il tasso d’occupazione in Italia è tra i più bassi dell’Europa. Gli ultimi dati sono il frutto delle tabelle dell’Eurostat, elaborate poi da Adnkronos, che ha messo a confronto gli anni 2006 e 2016. La sintesi dello studio non è esattamente rosea: anche se sta piano piano aumentando la percentuale di persone occupate,  il gap rispetto all’area euro continua a crescere.

Dieci anni a confronto

Nel 2006 il tasso d’occupazione nella fascia 20-64 anni era del 68,9% nei 18 paesi dell’euro e del 62,4% in Italia; dieci anni dopo nell’eurozona si è arrivati al 69,9% mentre in Italia al 61,6%. Il gap è passato da 6,5 punti percentuali a 8,3 punti, cioè 1,8 punti in più. Analizzando i dati negli anni antecedenti la crisi, messo peggio di noi era solo il piccolo paese di Malta. Ora l’isola del Mediterraneo segna un tasso di occupazione del 69,6%. Molto meglio dell’Italia, che si ritrova fanalino di coda di questa brutta classifica. Guardando ai Paesi tradizionalmente più ricchi, i dati sono ancora più stupefacenti: ad esempio in Germania il tasso di occupazione è salito ininterrottamente nei 10 anni presi in esame, “volando” dal 71,1% al 78,6% (+7,5 punti).

L’Italia? In crisi prima della crisi

Anche se, in linea di massima, la crisi ha condizionato il mondo del lavoro in quasi tutti i paesi europei, in Italia la situazione era già traballante in anni non ancora così duri. Infatti l’allontanamento dell’Italia dall’Europa è iniziato prima, quando cioè negli altri paesi il tasso d’occupazione cresceva ancora a livelli sostenuti mentre nel Belpaese c’erano già segnali di rallentamento. “Nel 2007 c’è stato un primo colpo, con il dato dell’Europa che è cresciuto di un punto percentuale (dal 68,9% al 69,9%), mentre in Italia si è registrato un misero +0,3 (dal 62,4% al 62,7%). Così la distanza è aumentata di 0,7 punti arrivando a 7,2 punti” riporta l’analisi dell’AdnKronos.

Per il Belpaese la crisi è stata più pesante

Negli anni della crisi l’Italia ha perso più terreno rispetto al resto dell’Europa. Il fenomeno si è evidenziato in particolare dal 2013, quando il tasso d’occupazione si è ridotto di 0,3 punti in Europa e di 0,8 punti in Italia, portando la distanza a 8 punti percentuali. Anche se dopo la crisi i numeri sono tornati in positivo, da noi le cose – in merito all’occupazione – procedono con maggiore lentezza rispetto al resto dell’eurozona. E il gap si è ulteriormente allargato.