Archivi categoria: Uncategorized

Lavoro: 200mila occupati in più nel 2018

Negli ultimi cinque anni il mercato del lavoro in Italia ha manifestato una ripresa significativa, associata a profondi cambiamenti rispetto alla posizione professionale, al carattere dell’occupazione e alla composizione per età delle persone. Nel corso del 2018 la crescita media annua, inoltre, si è attestata allo 0,9%, con un incremento di oltre 200mila occupati e di 0,6 punti percentuali del tasso di occupazione. Passato al 58,5% rispetto al 57,9% dell’anno precedente.

È quanto emerge dal focus dell’Istat Il mercato del lavoro in Italia nel quinquennio 2013-2018. Che conferma un miglioramenti anche per quanto riguarda la disoccupazione, diminuita del 5,8% in media annua, attestandosi al 10,6%. Ovvero 0,7 punti percentuali in meno rispetto al 2017.

Dal 2013 l’occupazione è aumentata del 4,6%

Nonostante un rafforzamento degli andamenti registrati negli ultimi anni gli effetti positivi si sono distribuiti in misura eterogenea rispetto alla posizione professionale, al carattere e all’età delle persone. Prendendo come riferimento il 2013, l’occupazione è aumentata complessivamente del 4,6%, mentre il tasso di occupazione è cresciuto di 3 punti, portandosi ai livelli più elevati registrati nel 2008, riporta Askanews. Nello stesso periodo, il tasso di disoccupazione ha mostrato una diminuzione di 1,5 punti percentuali, tornando ai livelli del 2012, ma restando ancora lontano dal minimo storico del 2007 (6,1%).

Il tasso di inattività diminuisce solo di 0,2 punti percentuali

Nel 2018 il tasso di inattività è diminuito in misura contenuta raggiungendo il 34,3%, 0,2 punti percentuali in meno rispetto alla media dell’anno precedente, e nei cinque anni

è diminuita di 2,3 punti percentuali. La flessione ha riguardato entrambe le componenti di genere, mostrando una maggiore intensità per le donne, sebbene il divario tra uomini e donne rimanga ancora decisamente ampio,  pari a 19 punti percentuali (24,8% il tasso per gli uomini, 43,8% per le donne).

I contratti a termine rappresentano il 13,1% dell’occupazione

Nel periodo 2013-2018, l’aumento dell’occupazione è stato trainato dalla componente dipendente (+7,3%) e in particolare da coloro che hanno una occupazione a termine, che rappresentano oramai il 13,1% dell’occupazione (era il 9,9% nel 2013). Rispetto al 2013, poi, il tasso di occupazione è aumentato in tutte le classi di età, con i 50-64enni che mostrano l’incremento più sostenuto (+7,7 punti percentuali).

Il tasso di disoccupazione ha mostrato variazioni modeste nelle varie età, ma leggermente più ampie per le persone fino ai 34 anni mentre l’inattività, a eccezione dei 15-24enni, ha registrato un calo in tutte le classi con una maggiore intensità per i 50-64enni (-7,5 punti percentuali).

L’Italia che verrà sarà incerta. Il 2019 nelle previsioni degli italiani

Gli italiani ci provano a essere ottimisti, benché la promessa tradita di una ripresa nel 2018 gravi sulle prospettive del 2019. Che si presenta quindi come un anno incerto. E se il potere d’acquisto delle famiglie potrebbe beneficiare dalle attese nuove misure (soprattutto il reddito di cittadinanza) la crescita dei consumi è in calo. Nemmeno le ultime festività hanno fatto gridare al miracolo. Contrariamente al Natale 2017, che fece chiudere l’anno con un boom di vendite, gli ultimi 15 giorni di dicembre hanno fatto registrare per la GDO una sostanziale tenuta, ma solo grazie all’ulteriore crescita del discount.

Parola d’ordine, speranza

Per il 2019 però la prima parola che gli italiani scelgono è “speranza” (19%), anche se nel 2018 la sceglieva il 21%, e nel 2017 il 33%. Una parabola discendente a cui fanno da contraltare parole come “cambiamento” (16%) o “benessere”, passato dal 2% del 2016 al 12% del 2019. Si tratta di alcuni dati de l’Italia che verrà, il sondaggio di fine anno Coop-Nomisma e le previsioni sui consumi del Rapporto Coop redatto dall’Ufficio Studi di Ancc-Coop, con la collaborazione scientifica di REF Ricerche, il supporto d’analisi di Nielsen, e i contributi originali di Iri Information Resources, GFK, Demos, Nomisma. Pwc, Ufficio Studi Mediobanca.

I giovani più ottimisti

Insomma, seppur sempre meno speranzosi gli italiani continuano a sentire forte il desiderio di miglioramento, e a crederci di più sono gli under 35, contro il 4% degli over 55. Certo, l’Italia rimane un Paese polarizzato. Se un 27% è convinto che nei prossimi 12 mesi l’economia nazionale accelererà, un 19% è invece certo che l’Italia entrerà in recessione. Il vento dell’ottimismo soffia più al Sud e nelle Isole, che si contrappongono a un Nord più scettico. E proprio dalla situazione economica del Paese gli italiani non sanno bene se aspettarsi un 2019 in cui dover fare economia o in cui concedersi qualche soddisfazione.

Nelle previsioni di spesa cibo e smartphone

Se nel 2019 la spesa maggiore sarà dedicata al cibo, la grande maggioranza degli italiani è anche convinta che dovrà pagare di più bollette e utenze, carburante e altri costi di trasporto, servizi sanitari e spese per la salute. Ma per viaggi e smartphone non si accettano rinunce: l’83% degli italiani dichiara di pensare di regalarsi un soggiorno o una visita da qualche parte. Al secondo posto la tecnologia con smartphone (54%), tablet e computer (54%).

Scartate nelle previsioni l’acquisto di una nuova casa (72%), o dell’auto ibrida o elettrica (67%ì), che vengono superate solo dalla chirurgia estetica (91% dei no contro l’8% dei sì).

Smart city: Milano è prima in Italia, e 45a nel mondo

Nella classifica delle città più smart d’Italia Milano continua a mantenere il suo primato, e anche nel 2018 si conferma in prima posizione per il quinto anno consecutivo. E a livello internazionale è al 45° posto. Al secondo posto della classifica italiana si piazza Firenze, e al terzo Bologna, entrambe al top della graduatoria stilata da Fpa nel rapporto annuale ICity Rate 2018. Completano la classifica delle prime 10 smart city italiane Trento, Bergamo, Torino, Venezia, Parma, Pisa e Reggio Emilia. La coda è occupata dalle città del Mezzogiorno, con Agrigento all’ultimo posto.

“Il ruolo del capitale umano è cruciale”

Fpa ha individuato e analizzato 15 dimensioni urbane, in ambito nazionale e internazionale, e 107 indicatori. Tra i quali occupazione, innovazione, trasformazione digitale, inclusione sociale, istruzione, rifiuti, sicurezza, mobilità sostenibile e verde urbano, riporta Ansa.

“Dal rapporto ICity Rate 2018 emerge quanto sia cruciale il ruolo del capitale umano nel determinare il posizionamento complessivo delle città”, afferma Gianni Dominici, direttore generale di Fpa. La sostenibilità, però, è un obiettivo ancora lontano, “anche per quelle più avanzate nello sviluppo della smart city – continua Dominici – che appaiono in difficoltà nella gestione e conservazione della qualità dell’aria e dell’acqua, dei rifiuti e del territorio”.

Milano tra le prime 50 nella classifica internazionale

A livello mondiale New York (1°), Londra (2°) e Parigi (3°) restano le top smart city del mondo. E Milano, che in due anni ha scalato ben 13 posizioni, è al 45° posto. Ma non è l’unica città italiana in classifica. Al 66° posto c’è Roma, al 98° Firenze, poi Torino (106°) e Napoli (119°). Secondo la 5a edizione dello IESE Cities in Motion Index (CIMI), realizzato dal Center for Globalization and Strategy, il capoluogo lombardo spicca soprattutto nell’area mobilità e trasporti (16°), ma ottiene valutazioni positive anche per la coesione sociale, nell’area dell’economia (35°) e sul fronte del respiro internazionale (46°). Da migliorare invece l’aspetto del capitale umano e della governance.

Per essere smart le dimensioni non contano

Da quanto emerge dall’indagine CIMI non è semplice per una città trovare il giusto bilanciamento delle componenti in gioco per diventare smart. Difficile, per esempio, combinare mobilità e ambiente. O potere economico e coesione sociale. Per questo, anche se la nuova edizione dell’indice sembra confermare la predominanza delle metropoli, gli autori indicano come modello le città di medie dimensioni (Amsterdam, Melbourne, Copenaghen). O città anche più piccole (Reykjavik, Wellington), per sottolineare che la grandezza non è condizione essenziale per ottenere buoni risultati.