Casa, prezzi in calo per il mercato dell’usato

Il settore immobiliare, non è un segreto, non ha certo vissuto anni facili. Complice la crisi e una congiuntura socio-economica non delle più rosee, compravendite e affitti hanno segnato il passo. Negli ultimi tempi, però, sembrava che il settore iniziasse a mostrare segnali di ripresa, che si registrasse un nuovo dinamismo. Ora arriva un’indagine condotta da un celebre portale di annunci, che rivela che non, non è così, almeno per il mercato dell’usato.

Tariffe in caduta ad agosto

In base alle rilevazioni, effettuate monitorando una banca dati di 403.430 annunci, il prezzo delle case di seconda mano in Italia ha registrato un calo dell’1,1% ad agosto rispetto al mese precedente. La media del prezzo per questa tipologia di immobili, a livello nazionale, si attesta a 1.820 euro al metro quadro. Con questa cifra, il calo registrato negli ultimi mesi si attesta  al 5,8%. Le diminuzione dei prezzi per le case di seconda mano, in base alla ricerca, si concentrano nelle aree regionali e provinciali, meno nei maggiori centri urbani.

Chi sale e chi scende

Nelle aree regionali e provinciali i prezzi per l’usato sono generalmente al ribasso, sono più o meno divise a metà le città con prezzi in calo e le città con prezzi in risalita . I valori sono aumentati ad agosto solo in 3 regioni su 20: Friuli Venezia Giulia (0,9%), Puglia (0,7%) e Sardegna (0,3%). Le variazioni negative più importanti si segnalano in Piemonte (-2,5%), Trentino Alto Adige (-1,4%) e Campania (-1,3%); la regione di Napoli segna lo stesso calo riscontrato in Lombardia e nelle Marche.

Liguria la regione più cara

Con una media di 2.636 euro al metro quadro, la Liguria è la regione più cara. Più costosa addirittura della Valle d’Aosta (2.482 euro metro quadro) e del Lazio (2.447 euro). Chiude la classifica delle più economiche, invece, la Calabria: con 914 euro la regione si colloca davanti a Molise (1. 026 euro) e Sicilia (1.171 euro). Per quanto riguarda i mercati cosiddetti gradi, è Napoli ha registra prezzi in caduta ad agosto (-2,8%). Tra le città che hanno rilevato tariffe al ribasso, anche in maniera decisamente più lieve, ci sono pure Milano (-0,5%), Firenze (-0,3%), Palermo (-0,2%) e Roma (-0,1%). Numeri migliori a Bologna, che recupera di qualche punto (+0,5%) mentre tra le principali città del Sud Italia l’andamento dei prezzi è positivo a Bari (+0,5%).

Venezia, quanto costi!

A livello di prezzi medi per metro quadro, la città in assoluto più cara d’Italia si conferma Venezia con i suoi 4.314 euro. Seguono Bolzano (3.465 euro), Milano (3.387 euro), Firenze (3.381 euro) e Roma (3.196 euro). La città più economica? Biella, con 736 euro a metro quadro, con Caltanissetta (787 euro) e Agrigento (885 euro).