Allarme smog, gli italiani i più preoccupati tra gli europei

Lo smog e i suoi effetti sulla salute sono una delle preoccupazioni degli europei. Così come lo smaltimento sempre più complicato delle materia plastiche. Ma, se i timori sono a livello globale, risultano gli italiani i più “spaventati” in ambito Ue.

Italiani, le istituzioni dovrebbero fare di più

Gli italiani sono tra i cittadini più preoccupati in Ue dall’inquinamento dell’aria che respirano e dall’impatto delle plastiche sull’ambiente. Emerge da un’indagine Eurobarometro resa nota oggi. Gli italiani, tra gli europei, sono anche quelli con meno fiducia nel fatto che le istituzioni facciano abbastanza, sia a livello nazionale sia Ue, per affrontare le principali problematiche ambientali con cui ci si deve confrontare.

La salute la priorità

In base ai dati raccolti da Eurobarometro, risulta che l’86% degli intervistati italiani (una percentuale inferiore solo a quelle registrare a Cipro e Malta) ha manifestato un grande ansia in merito agli effetti sulla salute dell’inquinamento da plastiche e sul suo impatto sull’ambiente in generale. Insieme a ciprioti (69%), spagnoli (68%) e francesi (62%), gli italiani (61%) sono in assoluto gli europei  maggiormente convinti che l’aria che respiriamo sia decisamente peggiorata nell’ultimo decennio.

Poca fiducia nel Governo

Gli italiani sono anche quelli con meno fiducia nel fatto che le istituzioni facciano abbastanza, sia a livello nazionale (dove la quota dei delusi arriva al 76%) sia a livello europeo (71%).  L’accordo sulla necessità di maggiori investimenti da parte dell’Ue sull’ambiente può apparire alto (79% degli intervistati) ma diventa invece basso considerando che solo gli inglesi, con una quota del 78%, si sono collocati alle spalle degli italiani nel ritenere che più risorse finanziarie su progetti Ue per la salvaguardia dell’ambiante possano essere utili.

I livelli di inquinamento nelle città italiane secondo Ispra

Nelle città italiane, in effetti, il livello di inquinamento raggiunge in moltissimi casi livelli preoccupanti. Solo per fare un esempio, al 10 dicembre 2017, il valore limite giornaliero delle polveri sottili è stato oltrepassato in 34 aree urbane, gran parte di queste localizzate nel bacino padano. Nel 2016, il limite annuale per l’NO2 (biossido di azoto) è stato superato in 21 aree urbane, mentre va meglio per il Pm2,5 (25 µg/m³): solo 7 città superano il limite annuale. Questi numeri sono solo alcuni dei dati relativi all’aria, aggiornati al 10 dicembre 2017, contenuti nella XIII edizione del Rapporto Ispra sulla qualità dell’ambiente urbano. L’analisi raccoglie i dati relativi a 119 aree urbane italiane, analizzando diversi parametri tra: fattori sociali ed economici, suolo e territorio, infrastrutture verdi, acque, qualità dell’aria, rifiuti, attività industriali, trasporti e mobilità, esposizione all’inquinamento elettromagnetico ed acustico, azioni e strumenti per la sostenibilità locale.